Area MedicaRegistrati
Home » Malattia emorroidaria
A+ R A-
08-01-2011

Malattia Emorroidaria

EmorroidiLe emorroidi per la loro elevata incidenza e naturale evolutività hanno indubbi riflessi negativi sulla vita sociale e lavorativa della popolazione.

Si stima che circa il 25% della popolazione adulta e oltre il 50% degli ultracinquantenni siano colpiti da emorroidi.

 

CAUSE

Le vere cause restano sconosciute, tuttavia molti fattori ritenuti responsabili delle emorroidi hanno probabilmente solo un ruolo favorente. La malattia si presenta sostanzialmente in ugual misura nei due sessi. Le donne sembrano essere particolarmente suscettibili alle emorroidi in alcuni periodi della vita (ciclo mestruale, gravidanza).

Alcuni lavori scientifici hanno evidenziato la patologia emorroidaria nell'80% delle puerpere.


SINTOMI

  • Emorragia: sintomo più frequente
  • Dolore: non è caratteristico della malattia emorroidaria ma delle sue complicanze
  • Prurito-Bruciore: caratteristico fastidio associato alla malattia emorroidaria dovuto a secrezioni che irritano la cute anale


DIAGNOSI

La diagnosi si effettua sulla base della visita medica, dell'esplorazione rettale e dell'anoscopia.

È opportuno specificare che la visita medica della regione pelvica non è dolorosa.


CONSIGLI PRATICI

  • Prevenzione
    Una corretta ed efficace prevenzione della patologia emorroidaria può realizzarsi solo se il paziente supera tutti i tabù esistenti rispetto alla visita proctologica. Attraverso la visita è infatti possibile effettuare una corretta stadi azione della malattia ed individuare gli opportuni rimedi. Certamente l'igiene anale svolge un ruolo fondamentale, è opportuno non utilizzare detergenti che possono irritare la mucosa e l'epitelio anale. Esistono in commercio detergenti specifici.
  • Alimentazione
    Un efficace metodo di prevenzione è rappresentato da norme dietetiche che prediligono un'alimentazione ricca di fibre, frutta e verdura, necessarie per contrastare la stitichezza. Periodi prolungati di stitichezza possono aggravare la patologia.
  • Cosa fare per il bruciore e il prurito
    L'autopalpazione aiuta ad individuare la presenza di noduli in regione anale che possono essere la causa del bruciore. Tali sintomi possono essere trattati con sostanze specifiche utili a ripristinare la normale fisiologia della cute e con effetto lenitivo.
  • La crisi emorroidaria (trombosi emorroidaria)
    Il dolore acuto si manifesta con il prolasso dei noduli o trombosi emorroidaria. In questo caso si consiglia la visita specialistica per risolvere la crisi emorroidaria e ripristinare il benessere del paziente.
Last modified on Lunedì 26 Settembre 2011 14:38
More in this category: Ragade Anale »

Area Medica

Registrati

*
*
*
*
*

* Field is required